fbpx
Finestre a vasistas: pro e contro

La scelta della tipologia di finestre non è mai semplice. Questo perché è necessario coniugare diversi elementi quali estetica, stile e funzionalità: tutti declinati all’interno di un’unica parola, ovvero design. Una delle soluzioni più diffuse e apprezzate, nelle abitazioni di campagna così come in quelle di città, commerciali e private, è il vasistas: una particolare apertura che permette di vivere al meglio gli spazi, rendendoli areati in pochi semplici gesti. In questo articolo vi raccontiamo meglio di cosa si tratta, così da permettervi di valutare se si rivela adatta a soddisfare le vostre esigenze!

Cos’è il vasistas?

Il termine vasistas deriva dal tedesco Was ist das?, un’espressione che può essere tradotta in “che cos’è questo?”; indica la domanda che i tedeschi ponevano nel momento in cui vedevano per la prima volta un’apertura a vasistas.

Da un punto di vista tecnico, le finestre a vasistas presentano un’apertura verso la parte interna degli edifici in quanto dotate di cerniere lungo il traverso inferiore; la chiusura si trova invece nel livello superiore.

Il movimento di apertura dell’anta va dall’alto verso il basso, e non di lato come nelle altre tipologie di uso comune. L’equilibrio viene mantenuto attraverso il posizionamento di braccetti che consentono all’anta di non cadere.

Il vasistas si differenzia a sua volta da un’altra tipologia di finestra, l’abbaino appunto, il quale permette l’apertura verso l’esterno dell’edificio.

Finestre a vasistas

L’uso delle finestre a vasistas

L’apertura a vasistas si trova impiegata in diverse case, in cui rende possibile far circolare l’aria dosandola perfettamente. In questo modo l’ambiente rimane sempre pulito, areato e illuminato.

Le finestre a vasistas sono perfette all’interno di un bagno, di una cucina, ma anche in magazzini, garage, fabbricati di tipo industriale. Questo perché assicurano lo scarico dei fumi e il ricambio dell’aria.

Sono generalmente abbinate a un’apertura a battente, risultando più facilmente alla portata delle persone e riuscendo a coniugare la massima versatilità. Sono inoltre disposte nei punti più alti degli edifici, attraverso meccanismi che ne garantiscono l’apertura a distanza, manuali o digitali.

Quando si rivela la scelta migliore

Gli elementi a favore del sistema a vasistas sono i seguenti:

  • Aerazione migliore di quella delle classiche finestre a battente, grazie al ricambio d’aria veloce e costante.
  • Versatilità nell’apertura (quando abbinato all’apertura a battente): aperta, semiaperta o chiusa. 
  • Si tratta di un sistema poco ingombrante, adatto agli spazi ristretti.

Ecco invece i contro delle finestre a vasistas

  • Le correnti generate dalle finestre a vasistas tendono ad arrivare direttamente sulle persone. 
  • È essenziale fare attenzione alle condizioni di pioggia, dal momento che l’acqua potrebbe entrare nell’edificio.
  • Se non abbinato alla finestra a battente, maggiori difficoltà per quanto riguarda la pulizia esterna e l’aerazione immediata.

Conclusione

Le finestre a vasistas si rivelano la soluzione ottimale in molteplici casi, a cominciare dagli edifici che presentano dimensioni ridotte così come in quegli spazi in cui occorre posizionare una finestra particolarmente in alto e non semplice da raggiungere.

Una tipologia di finestra che riesce a dare, soprattutto nell’ambito domestico, il meglio quando abbinata a quella a battente, risultando versatile e performante come poche.

Leave your thought