fbpx
Serramenti in PVC: domande e risposte sul Polivinile di Cloruro

I serramenti in pvc sono fra i più interessanti ed apprezzati complementi nel panorama edile. Infatti, le loro prestazioni, rapportate ai vantaggiosi costi, ne hanno fatto negli anni un prezioso alleato degli edifici di tutto il mondo. Resistente alle intemperie, lo è anche all’inquinamento acustico, così come al fuoco: un elemento il PVC dalle grandi caratteristiche sia in fatto di qualità che di estetica. Oggi abbiamo deciso di rispondere ad alcune tra le più comuni domande a proposito di serramenti e infissi in PVC .

Un po’ di storia del PVC

Come nasce il PVC? Questa è una curiosità che trova risposta in un percorso lungo secoli. Infatti, il polivinile di cloruro è stato tra i primi materiali sintetici ad essere scoperto ed impiegato nelle produzioni industriali. Scoperto due volte, per puro caso, durante il 1800 da un fisico e chimico francese prima, e da uno tedesco poi, fu finalmente brevettato nel 1913 dall’inventore tedesco Friedrich Klatte. Quasi abbandonato durante la recessione degli anni ’20, il PVC ha trovato seconda vita negli USA quando la BFGoodrich ebbe la necessità di trovare un sostituto più economico e vantaggioso alla gomma industriale e gli esperti produssero Polivinile di cloruro. Utilizzato nella Seconda guerra mondiale nell’isolamento dei cavi elettrici delle navi, negli anni ’50 conobbe una vasta diffusione, fino a diventare via via sempre più indispensabile grazie alla sua resistenza ad agenti chimici, atmosferici e alla corrosione, caratteristiche che lo hanno reso popolarissimo non solo nel settore edile, ma anche in quello sanitario, tessile, informato e dei trasporti fino a oggi.

I serramenti in pvc sono eco-friendly o no?

Assolutamente sì, il PVC è un materiale amico dell’ambiente in tutte le fasi, dalla sua produzione fino al suo impiego. Infatti, quasi il 50% dei serramenti in PVC vengono prodotti con materiale precedentemente riciclato (il PVC è prodotto con materie prime, alcune delle quali già riciclate, che non alterano né danneggiano l’ambiente ed è esso stesso riciclabile). Inoltre, il suo impiego per infissi e serramenti determina una miglior protezione e una minor produzione di CO2, limitando lo spreco d’energia e salvaguardando l’ambiente. Infine, le sostanze tossiche che un tempo erano contenute all’interno del PVC (piombo e altri metalli), grazie allo sviluppo dell’industria e di metodiche all’avanguardia sono state eliminate e non sono più presenti, garantendo così la produzione di un materiale non nocivo, sia per l’ambiente che per l’uomo.

È possibile scegliere fra più colorazioni di serramenti in PVC?

Sì! I colori naturali dei serramenti in PVC sono bianco e avorio, ma le possibilità di colorazione – con differenti tecniche professionali all’avanguardia – sono numerose, così come lo sono le possibilità di lavorazione per adattare l’infisso ad ogni esigenza strutturale. L’unico consiglio? Se la finestra è grande ed esposta al sole per molte ore al giorno è preferibile puntare su colori chiari!

Quanti anni resiste un serramento in PVC?

Fra i numerosi grandi vantaggi di questo tipo di infissi e serramenti c’è proprio la durata, fino a 30 anni e oltre se vengono ben mantenuti. Anche la manutenzione non è un problema: bastano infatti poche accortezze per mantenere un infisso prestante ed elegante nel tempo.

Vuoi altre informazioni sui nostri serramenti in PVC di grandi qualità? Visita il nostro sito o vieni a trovarci per un appuntamento, ti aspettiamo.

Serramento in pvc Futura Infissi
Serramenti in pvc: un grande successo nel mondo grazie a versatilità, qualità e costi contenuti

Scrivi il tuo commento